Tag Archives: iperborea

Misteri

misteri-knut-hamsundi Knut Hamsun (Iperborea)

“No” rispose Dagny, “non oso più farmi accompagnare dal signor Nagel. E’ troppo esuberante. Una volta, che rimanga tra noi, mi ha persino chiesto un appuntamento…”

E non è soltanto Johan Nagel, l’eccentrico e passionale protagonista di Misteri, ad essere esuberante, ma anche il suo creatore, il premio Nobel norvegese Knut Hamsun, grandissimo scrittore la cui profonda impronta filosofica, nietzschiana al punto da essere spesso nichilista, si nota più o meno in tutte le opere, confusa ad una forte componente autobiografica. Non molto conosciuto, ma recentemente riscoperto anche in Italia, Knut Hamsun ha vissuto, similmente ai suoi protagonisti, un’esistenza dominata da un anticonformismo estremo e contraddittorio: da ribelle e itinerante, potremmo dire anarchico, in gioventù a simpatizzante per la Germania di Hitler, tanto da essere perseguito per collaborazionismo, e internato in un manicomio.

Nonostante tutto, egli passò gran parte della sua vita dedicandosi unicamente alla scrittura, dando vita a personaggi anticonvenzionali fino alla provocazione, utopisti fino alla follia, romantici fino al delirio. Innamorato, sognatore e folle è, infatti, anche Johan Nagel, che improvvisamente approda in una piccola città della costa norvegese, suscitando subito la curiosità, la meraviglia, l’ammirazione, qualche volta il disappunto, persino il timore. Con un look piuttosto stravagante, uno stile di vita tra il dandy e il bohemien, una ricchezza tanto ostentata quanto negata, un passato poco chiaro, un improbabile lavoro di “agronomo” e un persistente alone di mistero che lo rende affascinante, Nagel, un anello di ferro al dito, una medaglia al valor civile e una boccetta di veleno in tasca, incanta il piccolo paese di provincia, ammalia le donne con la sua cortesia e le sue avventure, si fa amico degli uomini sebbene non esiti ad esternare la propria opinione di antagonista.

Ma ecco che, inevitabilmente, Nagel si innamora. Prima della piccola città, dove dichiara di voler fermarsi a lungo, e poi di Dagny, la biondissima ed evanescente figlia del pastore, che dapprima si lascia sedurre dai giochi di parole di lui per poi rimanerne turbata, impaurita, contrariata, e infine, quando le attenzioni di Nagel si sposteranno sulla sfortunata Martha, gelosa. L’infatuazione di Nagel per Dagny, inizialmente comprensibile e poi assurda, pare essere l’evento scatenante della sua pazzia, o meglio, del violento manifestarsi di uno spirito ribelle, provocatorio, anticonformista fino alla contraddizione. In realtà, la tenerezza istintiva e antisociale di Nagel non può trovare spazio nella collettività, il suo mondo interiore fatto di illusioni, fantasie romantiche, emozioni, amore per la natura, non può realizzarsi in una società organizzata e, per questo, frivola e vacua.

L’impossibilità di affermarsi non solo dell’amore, ma anche dell’identità stessa di Nagel, fa di lui un emarginato senza speranza, uno spirito inquieto e frantumato dalle sue stesse convinzioni, da un incessante conflitto interiore dove l’amore e la crudeltà si scambiano facilmente di ruolo, dove l’unico mezzo per esprimersi è un monologo ossessivo, delirante, ai limiti dello sproloquio. Con un crescendo di passione che assume toni surreali e allucinati, e una sottile, intrigante allusione talvolta sentimentale e talvolta erotica, l’avventura di Nagel si consuma tra il dramma personale di un amore impossibile e ossessivo, quasi wertheriano, il rivelarsi di un intrigo oscuro e ambiguo che lega i protagonisti, e l’introspezione profonda, psicanalitica, inflessibile fino all’autodistruzione.

Un romanzo difficile, filosofico e comunque tremendamente attuale, che esplora, appunto, le più misteriose pulsioni dell’anima, alla ricerca di una verità che forse non esiste, e di una libertà interiore che, per quanto affascinante, non può evitare di alienarsi da una società vuota, o quasi, di valori.

Advertisements

Il porto dei sogni incrociati

di Bjorn Larsson (Iperborea)

Non si può costruire la vita su un sogno…

L’atmosfera è quella di una fiaba, il finale è inquietante, gli eventi si svolgono lungo una catena di strane coincidenze dai profondi significati filosofici. Complicato e insolito anche nei giochi stilistici, questo romanzo dello scrittore e velista norvegese Bjorn Larsson segue un percorso inatteso e stravolge ogni possibile previsione dei lettori.

Come è tipico dell’opera letteraria di Larsson, anche ne Il porto dei sogni incrociati il primo protagonista è il mare, non mare aperto questa volta, ma quel mare incorniciato dallo scenario di un porto, misteriosa e transitoria dimora di personaggi indefinibili e sfuggenti.

Così infatti è Marcel, affascinante capitano di una nave mercantile priva di itinerario preciso, viaggiatore senza fissa dimora, navigante intrepido al limite dell’incoscienza, che sembra passare di porto in porto per regalare sogni e speranze, lasciando, volutamente o meno, il desiderio e la nostalgia in ogni persona incontrata.

Quattro porti diversi d’Europa per i quattro incontri di Marcel: una giovane e bella orfana spagnola incantata dall’astrologia, un’attraente vedova francese che inspiegabilmente raccoglie e archivia i dati dei marinai di passaggio, un fantasioso ingegnere informatico danese dimenticato da moglie e figli e un gioielliere irlandese deluso del poco amore per la bellezza che la gente dimostra.

Contrariamente ai marinai del suo equipaggio, le cui aspettative non vanno oltre l’acquisto di un’automobile o l’ambita vittoria della nazionale di rugby, gli incontri di Marcel svelano ambizioni elevate, disperati tentativi di contrastare la morte attraverso una sia pur lieve traccia di eternità. Il breve scambio che essi hanno con l’enigmatico e sorridente capitano, produce in loro non solo la voglia immediata di dare una svolta alla loro vita, ma anche la convinzione che la presenza di Marcel sia necessaria per attuarla. Lui, invece, li sfiora soltanto, nemmeno la ragazza spagnola, che per qualche giorno sarà la sua amante, riesce a lasciargli una traccia di ricordo o rimpianto. Sembra quasi che egli voglia fuggire da ogni sentimento, incatenato alla sua stessa brama di libertà.

Ma ormai, con le sue parole e il suo sorriso, Marcel ha intrecciato le loro storie alla propria rotta, e il suo ferreo autocontrollo verrà messo alla prova quando i quattro personaggi, quasi fossero animati da un tacito accordo, si riuniranno ad attendere Marcel nel suo prossimo porto d’approdo. A questo punto, la figura di Marcel inizia a sbiadirsi, da soprannaturale che era diviene profondamente umana, cede il passo ai quattro amici, ed essi si renderanno conto, lentamente che la forza di Marcel è solo una loro fantasia, sulla quale non possono fare alcun affidamento per cambiare vita. La cambieranno comunque, alla fine, grazie al loro coraggio e all’aiuto del mare, che avvicinerà i loro destini, oltre ai loro gesti.

E la decisione ultima di Marcel, per quanto possa sembrare avventata e irresponsabile, è l’unica possibile per lasciare lui nella luce eterea del sogno, e gli altri nel mare impetuoso della vita.