Fiaba il Mago

fiabadi Emiliano Billai (La Piccola Volante)

Nessun Dio si è pentito delle stragi fatte in suo nome

Ma chi è, in realtà, questo mago tenebroso e affascinante? Questo ragazzo che cammina sui tetti, sale per scale invisibili, passa attraverso porte che disegna e cancella a suo piacimento? Che lascia ovnunque segni d’inchiostro e da questi segni prendono vita oggetti, paesaggi, città, popoli,  montagne, e persino la morte? Chi è questo poeta maledetto che si indigna di fronte a chi si ostina a vedere il blu nel cielo nero inchiostro delle notti senza luna?

Forse è Dio, forse è Satana, forse entrambe le cose, perché non esiste perfezione al mondo, anzi, al contrario, la bellezza sta nell’imperfetto, nel dispari, in ciò che la pubblica opinione condanna, ignora o rinchiude. Con la forza dell’imperfezione, con la legge spietata dell’amore puro e la sensibilità estrema di chi rispetta la vita perché conosce il valore della morte, Fiaba il Mago è un dio creatore, un giustiziere, un rivoluzionario, un artista anarchico e ribelle, i cui eccessi toccano gli estremi della dolcezza e dell’ira. Un angelo fuggito dal cielo, e ugualmente capace di un amore sterminato come di un odio sterminatore.

Pochi lo vedono, pochi lo percepiscono, pochissimi riescono a comprenderlo. Nella sua lotta per una giustizia che si rivolge ai più emarginati, tra uomini e animali, alle vittime di discriminazioni nate dall’ipocrisia, dal perbenismo, dalla brama di potere, egli incontra quei personaggi “imperfetti”, esclusi da chi si ritiene “normale”, esseri viventi che vivono contro ogni logica, e che il mondo rifiuta.

La storia di Fiaba il Mago è un racconto dark, una favola oscura e abbagliante al contempo il cui stile di scrittura stesso oltrepassa e ignora le norme letterarie, dove gli eventi e i dialoghi si susseguono senza una regola precisa, stravolgendo ogni schema predefinito. Ai lettori non resta altro da fare se non lasciarsi trascinare dall’opera splendida e spaventosa che il giovane mago crea pagina dopo pagina, ai suoi disegni che trascendono dalla realtà o forse, più probabilmente, ne rivelano l’essenza più profonda. Emiliano Billai, autore e illustratore, ci ha regalato un libro affascinante proprio come il protagonista, colmo di sentimenti spesso contrastanti ma sempre elevati alla massima potenza, di mistero e di emozioni sospese in equilibrio tra l’ignoto e il fantastico.

Advertisements

Comments are closed.