I fiori blu

queneaudi Raymond Queneau (Einaudi)

Io invece sogno molto – disse Cidrolin – Sognare è molto interessante.

La storia può essere divertente come un gioco, può trasformarsi in un entusiasmante intreccio di tempi e luoghi, in un presente continuato dove l’allegoria del futuro e la polvere del passato si sovrappongono in un sogno confuso, indecifrabile e un po’ folle.

Partendo dalla citazione platonica il sogno in cambio del sogno, che Raymond Queneau colloca in apertura di quest’opera sorprendente, I fiori blu si diramano in un apparentemente assurdo succedersi di visioni, di fatti storici, di metafore, di brillanti giochi di parole che svelano il passato e i suoi personaggi illustri.

Lungo due paradossali linee parallele, che finiranno poi per incontrarsi, procedono le storie sognate da Cidrolin e dal Duca D’Auge i quali, in un continuo scambio di identità, pare riescano a vivere solo nei reciproci sogni. Cidrolin, ex detenuto innocente, vive in una chiatta ancorata sul fiume, e passa il suo tempo tra un pernod e l’altro, cancellando dalla sua staccionata anonime scritte infamanti e intrattenendosi in complicate conversazioni con i passanti, le figlie e una sorta di cameriera/fidanzata.

Ogni volta che sprofonda nel sonno, il tempo retrocede di circa 4 secoli ed entra in scena il Duca D’Auge, impegnato in un avventuroso viaggio verso Parigi con lo scopo di evitare le crociate.

Nei sogni del malinconico e disilluso Cidrolin, il suo nobile alter ego onirico avanza nel tempo, lentamente ma a intervalli regolari (dopotutto Queneau era affascinato sia dalle parole che dai numeri), ed incontra vescovi, abati, alchimisti e cavalieri, discorre di filosofia con il proprio cavallo, si dichiara amico di Gilles De Rais e di De Sade e, dopo la presa della Bastiglia, magicamente parcheggia automobile, roulotte e cavalli a pochi metri dalla chiatta del suo sognatore.

L’incontro tra Cidrolin e il Duca, che assume le tinte di un noir, tra fughe, agguati, lotte, vendette e amore, appare come un’improvvisa materializzazione dei paradossi della storia. Non sapremo mai chi dei due sognava l’altro, ma capiremo come la storia si ripeta tra guerre e giochi di potere, confermando la naturale idiosincrasia di Queneau verso ogni forma di oppressione e di ingiustizia.

Un classico insuperabile e sempre attuale, reso ancora più appassionante dalla magistrale traduzione di Italo Calvino, che ha saputo trovare la perfetta versione italiana per gli intricati labirinti di parole dell’originale francese.

Advertisements

Comments are closed.