La notte ha sempre ragione

notte_ragionedi Andrea Villani (Todaro Editore)

Al contrario di molti altri autori del genere giallo/thriller, Andrea Villani, scrittore e drammaturgo nato a Salsomaggiore nel 1960, riesce a trasmettere nei suoi romanzi una forza letteraria travolgente, e a trascinare il lettore negli intricati labirinti del giallo senza perdere mai lo stile e l’alta definizione della narrativa.

Inoltre, stando a quanto afferma, egli ha vissuto un po’ in tutto il mondo, ma dimostra di non avere dimenticato la bellezza, le tradizioni e la storia del suo paese d’origine, tanto da farne il primo protagonista di questo splendido romanzo breve dall’enigmatico titolo di La notte ha sempre ragione.

Salsomaggiore Terme, il borgo addormentato sulle colline che, osservato da lontano, sembra quasi una città, emerge dalle parole dello scrittore in tutto il suo antico fascino di provincia, colorato dalle citazioni poetiche e letterarie, dall’eredità del grande Giovanni Guareschi e del suo mondo piccolo, dalle atmosfere e dai personaggi quasi felliniani, intrisi di sogno, di nostalgia e di mistero.

Unico evento mondano ed eccezionale a rompere la monotona tranquillità di questa città quasi invisibile, è l’elezione finale di Miss Italia, che trasforma ogni anno il paese sconosciuto nella capitale nazionale della bellezza, con tutte le percolose conseguenze del caso: compromessi, favoritismi, gelosie, tentativi di corruzione.

In questo variopinto e leggero clima di gossip televisivo, all’improvviso, qualcosa di inimmaginabile sconvolge l’intero ecosistema dell’evento: la Miss Italia in carica viene trovata morta, probabilmente uccisa. Il suo corpo è rinvenuto in un rustico diroccato dove, decenni prima, era bruciato vivo un ragazzino del paese, il quale, sopravvissuto e sfigurato dal fuoco, conduce da allora una vita appartata, solitaria e notturna che le ha valso l’inquietante soprannome di Belfagor.

Per le ragioni troppo semplici e quasi ovvie di un’invidia vendicativa e crudele verso l’essenza della bellezza, Belfagor potrebbe essere l’assassino di Miss Italia, ma a questo punto scatta il perfetto meccanismo del giallo di Andrea Villani che, in un magnifico gioco di trame parallele tra memoria e presente, tra militanza ideologica e avventure di gioventù, arriverà a svelare nelle ultime pagine non solo la vera natura del delitto, ma anche l’orrendo segreto che lega in maniera incomprensibile e tenace il sindaco comunista  di Salsomaggiore Terme e il suo maggior antagonista politico.

E il finale del racconto, sorprendente e inatteso, avrà il valore di una resa dei conti.

Advertisements

Comments are closed.